17/04/2021

Notiziario della viabilità di sabato 17 ap...

Principali cantieri previsti sulle strade della Città Met...

Chiusure in FIPILI

In direzione Mare fra Empoli Ovest e San Miniato nella no...

A11, chiusure notturne della stazione di A...

Dalla sera del 19 aprileSulla A11 Firenze-Pisa nord, per ...

A11, chiusura della stazione di Montecatini

Nella notte tra il 19 e il 20 aprile Sulla A11 Firenze-Pi...

A11, chiusura dell'entrata della staz...

Dalle 22:00 alle 23:00 del 19 aprile verso PisaSulla A11 ...

Publiacqua. Aggiornamento cantieri che si ...

Possibili effetti sul traffico localeAggiorniamo i cittad...

Tutte le news

News ed eventi

Anas: risultato primo piano rientro strade

A fine 2018 sono rientrati nella gestione di Anas 3.513 km di strade ex statali, regionali e provinciali, con 1.619 ponti e viadotti e 123 gallerie. In particolare questo primo passaggio ha riguardato le regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Lazio, Liguria, Marche, Molise, Puglia, Toscana e Umbria
Simonini: “Piano Rientro Strade con obiettivi di sostenibilità per migliorare qualità del servizio complessivo offerto agli utenti. Aumenta l’efficienza gestione, manutenzione programmata più omogenea, potenzia standard di sicurezza. Applichiamo nuove tecnologie come Smart Road Anas, sensoristica per monitoraggio ponti e viadotti, sostegno alla mobilità elettrica” In occasione dell’avvio della seconda tranche di rientro strade ad Anas da parte di Emilia Romagna, Piemonte, Lombardia e Toscana per 3.000 km, Anas fa un bilancio delle attività svolte sulla rete rientrata con la prima tranche avviata alla fine del 2018 da Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Lazio, Liguria, Marche, Molise, Puglia, Toscana e Umbria per una estesa complessiva di 3.513 km. “Il Piano Rientro Strade ad Anas – ha dichiarato l’Amministratore delegato Massimo Simonini – ha diversi obiettivi che riguardano l’ambito della sostenibilità nell’ottica di migliorare la qualità del servizio complessivo offerto agli utenti. Aumenta l’efficienza della gestione dell’intera rete, con interventi di manutenzione programmata più omogenei, potenzia gli standard di sicurezza con benefici in termini di accessibilità a tutti i territori e alle aree interne. Inoltre, concentrare le competenze in un unico gestore, che ha un unico core business, evita la frammentazione delle competenze nella gestione delle strade e dei trasporti e rappresenta una garanzia per la destinazione degli investimenti, mantenendo e sviluppando al contempo il know how di Anas. Mi riferisco anche all’implementazione delle nuove tecnologie come le Smart Road Anas, la nuova sensoristica per il monitoraggio di ponti e viadotti, il sostegno alla mobilità elettrica. Nell’ambito del Contratto di Programma abbiamo stanziamenti appositamente dedicati al Piano rientro strade, prima e seconda tranche, pari a 1,1 miliardi di euro che abbiamo messo da subito in produzione. A fronte degli oltre 6.600 km di strade rientrate con la prima e la seconda tranche, il nostro obiettivo è di accrescere l’investimento complessivo nel prossimo Contratto di Programma e potenziare il relativo piano assunzioni, che al momento ha riguardato 63 nuove risorse tecniche tra ingegneri e personale di esercizio su strada”. Molte tratte hanno richiesto interventi urgenti di messa in sicurezza e riqualificazione, nel complesso Anas ha speso 360 milioni di euro per lavori ultimati o in corso d’opera. In particolare sono stati oggetto di nuova pavimentazione oltre 18 milioni di metri quadrati di strade, sono stati eseguiti lavori sulle opere d’arte, come ponti, viadotti e gallerie, interventi di miglioramento sismico, sostituzione e installazione di barriere sia laterali che spartitraffico, interventi di riparazione di locali, muri e tombini, di impianti di illuminazione all’aperto e in galleria e di opere complementari riguardanti il dissesto idrogeologico, il consolidamento del corpo stradale, la protezione delle scarpate e la riconfigurazione stradale e della segnaletica. Tutte le opere d’arte maggiori, 1.619 ponti e viadotti presenti sulle tratte rientrate nel 2018, sono state sottoposte a ispezioni nell’ambito del Bridge Management System di Anas. Sono state avviate attività di manutenzione ricorrente, la continua sorveglianza della rete ed il tempestivo intervento nei casi di emergenza, attraverso il coordinamento della Sala Situazioni e della Sala Operativa di competenza.
[Strade Anas]

07/04/2021
MET
https://met.cittametropolitana.fi.it/news.aspx?id=331749
Trasporti, Mobilità
In questo momento non vi sono eventi da segnalare.